Questo sito non utilizza cookie di terze parti.Vengono usati solo cookies tecnici interni. Nessun dato di profilazione o di navigazione viene ceduto a terzi o utilizzato. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Sei in : Home » Articoli

Marca da Bollo Virtuale: quando, come e perché

Quando applicarla
La Marca da bollo deve essere applicata sulle fatture nelle quali non si espone IVA e con un importo superiore ad € 77.47
Tale obbligo riguarda sicuramente tutti gli appartenenti ai Regimi dei Minimi (Art.) ed al Regime Forfettario Art.) che per loro natura emettono tutte le fatture con iva pari a 0%; ma vale anche per coloro che appartengono al Regime Ordinario o Semplificato, ma che potrebbero effettuare alcune  specifiche operazioni con iva pari a zero.
Anche la marca da bollo virtuale segue la stessa regola, cambia solo la procedura con cui si inserisce in fattura.

Come si applica

Con l’avvento della fattura elettronica anche la marca da bollo si è dematerializzata e non è più necessario acquistarla in tabaccheria ed apporla fisicamente sulla fattura, né tantomeno sulla copia di cortesia che si rilascia ai clienti. A tal proposito sarà utile sapere che il costo della marca da bollo va aggiunto al totale fattura e spetta quindi al destinatario pagare le 2€ in aggiunta al prezzo del bene o servizio che si sta fatturando.

APPLICARE la marca da bollo significa semplicemente mettere una spunta in un quadratino, o attivare un tasto nella procedura di creazione della fattura.
Dopo aver applicato la marca da bollo si dovrà inserirne la RIVALSA, cioè aggiungere alle righe di dettaglio una riga in più con la dicitura “Recupero marca da bollo virtuale” ovviamente fuori campo Iva (N1).

E verso le P.A.?
Quando il destinatario della fattura è una Pubblica Amministrazione occorre ricordarsi di comprendere l’importo della marca da bollo negli accordi che precedono l’impegno di spesa altrimenti si potrebbe incorrere in scarti della fattura. In altre parole se è stato pattuito con l’Ente che l’importo da corrispondere è 100€, non accetteranno di pagare 102 (cioè l’importo maggiorato della marca da bollo); conviene quindi tenerne conto in fase di accordi e pattuire da subito 102€.

Come si paga
Le marche da bollo virtuali sono pagate attraverso apposito F24 (chiedete al vostro commercialista) da versare entro il giorno 20 successivo al trimestre (es: Le marche da bollo dei mesi di Gennaio, Febbraio e Marzo dovranno essere versate entro il 20 Aprile, e così via fino alla scadenza ultima che è il 20 di Novembre.
Tuttavia, se la somma delle marche da bollo utilizzate nei vari trimestri, non raggiunge l’importo di € 250, si possono pagare tutte assieme il 20 Novembre, in corrispondenza della scadenza finale.

 



Contattaci
Gentile utente , al fine di prevenire l'invio di messaggi di spam ad opera di bot pubblicitari, somma i due numeri uno e zero e scrivilo in cifre qui